Mese della Sensibilizzazione sulla Sindrome dell'Ovaio Policistico (PCOS) - Reproclinic

Mese della Sensibilizzazione sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS)

Settembre è il mese della sensibilizzazione sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS), e vogliamo cogliere l’opportunità per parlare di questo disturbo, che sebbene sconosciuto, è molto intrigante a suo modo. Inizieremo con lo spiegare che cos’è esattamente la PCOS, e poco dopo, ci concentreremo sullo sfatare alcuni miti comuni sull’argomento.

La Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS) è uno dei disordini riproduttivi più comuni nelle donne, ed è causato da un sottostante disequilibrio ormonale. Di conseguenza, il modo in cui le ovaie funzionano normalmente viene influenzato, e spesso, anche se non sempre, questo porta a cicli mestruali irregolari o non esistenti. Le donne in cerca del concepimento possono avere difficoltà a rimanere incinte, perché l’ovulazione diventa difficile da tracciare. Inoltre, considerando che questo disturbo è collegato in molti casi a problemi di sovrappeso, si può dire che la PCOS ha un effetto negativo non solo sul contesto ginecologico, ma anche in molte altre aree della salute.

I fattori che determinano la PCOS includono:

• Cicli mestruali rari (meno di 9 volte all’anno), irregolari (con più di 35 giorni tra loro), o prolungati (particolarmente abbondanti)
• Produzione di androgeni sproporzionata (ormoni maschili, come il testosterone), che porta a pelle oleosa ed acne, in aggiunta ad una crescita eccessiva dei capelli o perdita di capelli in diverse parti del corpo.
• Esistenza di molteplici follicoli nelle ovaie, con una distribuzione insolita ed un’immagine ecografica distintiva, che dà il nome al termine “policistico”, senza che vi siano effettivamente cisti. Un follicolo è una sacca piena di fluido al suo interno, dove un ovulo si sviluppa e matura.
• Inoltre, le pazienti con PCOS, soprattutto quelle sovrappeso, tendono a sviluppare una resistenza all’insulina, che alla lunga porta ad un rischio maggiore di diabete mellito in età adulta.

Tuttavia, non tutte le pazienti con PCOS hanno cicli irregolari. Uno stile di vita sano (attività fisica regolare, dieta bilanciata) ed un consumo appropriato di integratori alimentari (inositolo e i suoi derivati) possono aiutare a regolare i cicli di ovulazione, ripristinando così le probabilità delle pazienti di concepire naturalmente.

Ora concentriamo la nostra attenzione su alcune convinzioni errate sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico:

• Mito #1: Le pazienti con PCOS non possono rimanere incinte in alcun modo, o nel caso di gravidanza, è probabile che abbiano un aborto spontaneo o altre complicazioni in gravidanza.
• Fatto #1: La gravidanza è difficile da raggiungere soprattutto a causa dell’alterazione dei cicli di ovulazione. Il rischio di aborto spontaneo o di altre complicazioni può essere associato ai disturbi connessi, come obesità ed iperinsulinemia. Per questo motivo, curare l’irregolarità del ciclo con le giuste medicine, oltre a curare i disturbi connessi con i giusti consigli nutrizionali ed integratori, mostra che è certamente possibile arrivare ad una gravidanza con buona riuscita ed evolutiva.

• Mito #2: Se hai la PCOS, non puoi essere donatrice di ovuli.
• Fatto #2: Le donne con la PCOS tendono a produrre più ovuli, il che potrebbe significare una maggiore formazione di embrioni in un ciclo FIVET con ovuli di una donatrice. Ovviamente, avranno bisogno di medicine e dosaggi appositi, al fine di ottimizzare la risposta e minimizzare il rischio di risposta eccessiva.

• Mito #3: La PCOS viene trattata solo con la pillola anti-contraccettiva.
• Fatto #3: Molti dottori gestiscono le irregolarità mestruali delle loro pazienti prescrivendo loro la pillola anti-contraccettiva ormonale. Ma se una donna sta cercando di rimanere incinta, l’approccio scelto sarà ovviamente diverso, da metodi naturali-olistici (ridurre lo stress, dieta personalizzata, attività fisica mirata, rispetto del ciclo sonno-veglia) fino a medicine per indurre l’ovulazione, oltre a trattamenti di fecondazione assistita (inseminazione, fecondazione in vitro) con risultati eccellenti.

Ora vogliamo presentarvi un’idea originale per rendere i vostri amici, i vostri contatti sui social media e gli altri intorno a voi consapevoli dell’importanza di una visita dai ginecologi, i migliori alleati sia nella ricerca del benessere ginecologico che per rimanere incinta quando lo desiderate. Facile! Dovrete semplicemente dipingervi un’unghia di viola nel mese di settembre, per rappresentare il dato statistico che 1 su 10 donne in età riproduttiva ha la PCOS. Una volta che avrete catturato l’attenzione degli altri, sarete in grado di creare consapevolezza su questo argomento di estrema importanza.

Il nostro team a Reproclinic vi vuole ricordare che lavorare con uno specialista di fertilità vi aiuterà a mettervi sulla giusta via. Se vi hanno diagnosticato la PCOS recentemente ma non state cercando di rimanere incinte al momento, vi invitiamo a prenotare un consulto con noi per discutere delle varie opzioni per la preservazione della fertilità. Se invece volete dare vita ad una famiglia, il nostro consiglio è quello di contattarci non appena vi sentirete pronti, e noi creeremo un piano personalizzato per il vostro trattamento di fertilità, disegnato per massimizzare le vostre probabilità di una gravidanza con buon esito. Siamo orgogliosi di aver aiutato numerose pazienti con la PCOS a rimanere incinte in passato, e continuiamo a farlo ogni giorno. Crediamo che il Metodo Reproclinic, che consiste nell’uso della tecnologia più avanzata e il lavoro instancabile dei nostri professionisti scrupolosi, al servizio dei nostri pazienti, sia il modo migliore per realizzare i vostri sogni.

No Comments

Post A Comment